#SlancioCreativo – Nicola Tassis

Lo “Slancio creativo” ci fa conoscere anche per questo mese il mondo della fotografia, in attesa che ci porti alla scoperta di qualche cosa di sempre più magico e creativo.
Questa volta ci accompagna Nicola, fotografo poetico, tra i suoi scatti si coglie una grande profondità, contrasti vivi e dai colori avvolgenti e con un forte lato attrattivo. Attimi colti dalla quotidianità, sorrisi, ghiacciai, silenzio tra le montagne, luci accese delle città la notte e luci che tagliano e danno vita a colline e vallate.

Ma cogliamo la poesia di Nicola dalle sue parole:

Nome: Nicola Tassis
Profilo social: @nicolatassis

Lo Slancio Creativo, un impulso dell’anima che stimola la mente ad elaborare ciò che si ha dentro per poi riprodurlo all’esterno nella forma che crediamo più adatta. Come  interpreteresti  tu questo termine rispetto a ciò che sei e alla tua creatività?
Credo che per quanto mi riguardi sia condividere. Condividere esperienze e le emozioni che provo di fronte a ciò che fotografo, con persone che magari non hanno la possibilità di vedere o non hanno la sensibilità per coglierne la bellezza. Infatti cerco di accompagnare quasi sempre le mie foto da una descrizione del momento, per farla comprendere appieno.

Fai una breve descrizione di te, cercando di usare i tre aggettivi con i quali definiresti la tua personalità creativa.
Prima di tutto Curioso. Da quando faccio foto infatti non c’è giorno che non pensi a luoghi da esplorare, viaggi da fare o tecniche nuove da imparare.
Determinato. Probabilmente la fotografia è stata la mia prima vera passione, ne ho avute altre prima (e tutt’ora), ma è l’unica nella quale quando trovo una difficoltà mi impegno con tutto me stesso per risolverla.
Modesto. Credo che si debba sempre esserlo, perché non si è mai arrivati, non si è mai i migliori, bisogna accettare critiche e consigli per migliorarsi.

Che caratteristiche cerchi prima di realizzare un click?
Su questo sono abbastanza testardo, cerco le condizioni ottimali. Preferisco la qualità alla quantità di foto che scatto. Non voglio portare a casa lo scatto a tutti i costi, se una situazione non mi convince del tutto lascio perdere e torno un’altra volta…Anche tornare a casa senza nulla fa parte del gioco.
Ovviamente ci sono certe situazioni (es. Viaggi in luoghi in cui magari non tornerai) dove questo non è possibile, e bisogna impegnarsi per riuscire a trovare la loro particolarità.

In che epoca ti sarebbe piaciuto vivere dal punto di vista fotografico/creativo?
Penso che mi vada bene vivere in questa epoca. È vero, la “concorrenza” è davvero molta dal momento che tutto è molto più accessibile a tutti; e che in molti casi viene premiata la notorietà piuttosto che il talento. Ma è anche vero che abbiamo molte più possibilità. Abbiamo a portata di click i lavori dei grandi artisti del passato, di quelli contemporanei dai quali prendere ispirazione, è più facile viaggiare, è più facile informarsi.

Quale è il tuo soggetto ideale?
Il mio soggetto ideale sono sicuramente le montagne sotto un cielo stellato. Non solo per le fotografie, ma più per le sensazioni che si provano a stare in luoghi incontaminati ad osservare le stelle in silenzio.

Cosa pensi della comunicazione moderna? (Social/virtuale)
Credo che la comunicazione moderna abbia molte potenzialità. È “relativamente” più facile mettere in mostra il proprio lavoro, confrontarsi con persone di tutto il mondo. Inoltre, come ho detto prima, abbiamo a disposizione quantità enormi di materiale da cui imparare, io stesso ogni giorno seguo sui social network fotografi professionisti e non (molto più bravi di me) per imparare. Purtroppo però il social network è un’arma a doppio taglio e va usata nel modo giusto. Il rischio di alimentare il proprio ego per qualche “mi piace” è alto. Preferirò sempre la persona    che ti fa i complimenti dal vivo.

Ti va di consigliarci tre nuove personalità creative da intervistare?
Sicuramente posso consigliarvi un grande amico, Daniele Boffelli, e fotografo di street e paesaggio eccezionale! Con il quale mi confronto e scambio consigli molto spesso!
Un altro ragazzo che mi sento di consigliare è Kamome, sulla sua pagina facebook  “mostrini” realizza un misto tra fotografia e disegno con uno stile unico che mi piace moltissimo!
Ultimo, ma non per importanza, Michele Pagnoni, un ragazzo con la quale ho avuto il piacere di esporre ad una mostra. Molto talentuoso che sta facendo ottimi lavori!

Concludi con la prima cosa che ti viene in mente dopo queste domande (per esempio: citazione – frase – un tuo scatto fotografico – una parola – una barzelletta – una battuta, qualsiasi cosa stia frullando nella tua testolina creativa)
Prima di tutto ringrazio per questa intervista, è un onore per me! Concludo con una frase che ho letto ieri su un blog di viaggio che mi è rimasta in mente.
“I tramonti hanno sempre qualcosa di particolare, quell’ora del giorno in cui non puoi fare a meno di fermarti un attimo a vedere il cielo.”

Grazie di cuore a Nicola per questo grande regalo, ogni parola ci porta in viaggio e ci regala emozioni vere e forti.
Che questa sua forza ed entusiasmo lo porti lontano!

Da creativa a creativo,
Francesca Locatelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...